A colloquio col Maestro Distante: perché il mio orecchio sinistro non vuole più sentire?

Ho fatto il corso intensivo “Maestri Invisibili” con Igor Sibaldi nel luglio 2016, e ho ricevuto da lui l’abilitazione all’insegnamento della tecnica. Una gioia infinita, un grande regalo della vita. Come dico spesso, se non avessi dovuto insegnare la tecnica ad altri, forse non l’avrei approfondita come ho fatto e continuo a fare.Tra i tanti dialoghi che ho avuto con LORO, voglio ora condividere uno dei più importanti, avuto in un momento particolarmente critico. E ci tengo a raccontarvi tutto quello che è successo, perché credo davvero che questa storia offra parecchi spunti di riflessione…

Il 6 maggio scorso, un sabato mattina, ho deciso di lavare i capelli a testa in giù nella vasca, diversamente da come faccio di solito. Dovevo lasciare una maschera riflessante in posa per un quarto d’ora e ho preferito fare la doccia nella fase del risciacquo. (Lo so, sembrano dettagli irrilevanti, ma non lo sono…)
Quando ho sollevato la testa, non ci sentivo più dall’orecchio sinistro. Ho dato la colpa all’acqua che era entrata, ma col passare delle ore, l’orecchio non si stappava.
Ho pensato a un tappo di cerume, e poiché lavoro in un ospedale, non mi sono allarmata e ho atteso il lunedì per sottopormi a una visita dall’otorino.
Lo specialista, dopo aver analizzato l’orecchio con l’otoscopio, non ha rilevato la presenza di alcun tappo di cerume, né di altre anomalie. Immediatamente, ha espresso estrema preoccupazione per il mio stato, spaventandomi a tal punto da farmi quasi collassare nel suo studio. Mi ha parlato di sordità idiopatica (la cui causa cioè non è nota) e della necessità di fare immediatamente un esame audiometrico tonale e impedenzometrico e una risonanza alla testa per valutare la funzionalità uditiva e rintracciare “eventuali patologie” responsabili della sordità.
Non vivo nella paura della malattia, tanto più che grazie al mio percorso personale  e professionale, so che la malattia nasce sul piano energetico e si manifesta sul piano fisico solo quando non siamo in contatto con la nostra anima, e il corpo diventa l’unico canale che l’IO GRANDE ha per comunicarci qualcosa…eppure quel medico è riuscito a terrorizzarmi a tal punto che ho ingurgitato in poche ore una dose da cavallo di cortisone (io che non prendo neanche l’aspirina!), e ho prenotato immediatamente la risonanza.
Nel giro di 20 ore, mi sono risvegliata dal mio torpore, ho sospeso l’assunzione del cortisone (supportata anche da dati scientifici che escludevano una correlazione tra l’assunzione di cortisone e la guarigione dalla sordità idiopatica), che comunque è riuscito a causarmi una piccola colica…, e cancellato la prenotazione della risonanza.
Ho fatto solo l’esame audiometrico, che ha rilevato una sordità del 70% all’orecchio sinistro.
L’orecchio sinistro è collegato all’emisfero destro, la parte femminile, intuitiva, creativa. L’emisfero destro dialoga per immagini, simboli, archetipi e si trova fuori dal concetto di tempo: è esattamente l’emisfero che si attiva quando si va nella stanza tonda, quando si è in stato theta e si vive ad esempio l’esperienza dell’ipnosi regressiva…
Fin dal primo istante, mi sono chiesta perché. Cosa stava cercando di dirmi il mio corpo? Cosa non volevo sentire? O forse c’era qualcosa che avevo paura di sentire? O avrei voluto sentire qualcosa che non sentivo più da troppo tempo? (Il 6 maggio è una data significativa per la mia vita affettiva…)
Ero in un momento di grande lavoro interiore, centrata, determinata. Non capivo proprio cosa volesse dirmi l’improvvisa sordità.
Non so perché non mi è venuto in mente subito (ho sempre avuto un po’ paura di disturbarli!!), ma dopo 5 giorni mi sono ricordata che avevo un canale speciale e che c’era qualcuno in una certa stanza tonda che avrebbe potuto spiegarmi…
E così ho chiesto a LORO. Anzi, ho chiesto LORO di portarmi dal maestro distante, quello che accede ai Registri Akashici.
L’ho incontrato al piano -53, e questa è stata la sua risposta:
Mia cara, stai sentendo molte cose che non ti piacciono e cerchi di evitarle, ma ciò che devi evitare è altro. Non puoi sottrarti a certi compiti che sono la tua lezione di questa vita, ma devi separarti da altre cose che non ti servono più. Continua ad ascoltare il cuore e non spazientirti con chi non ce la fa. L’Amore è questo e non conosce altre strade. La guarigione è nell’amore e nell’accettazione e nel lasciare andare tutto quello che è celebrazione personale. Abbi fede. Vai avanti e lascia indietro chi non ti lascia spazio per il tuo percorso. Tutto ha un senso, e se qualcosa arriva a fermarti, una ragione c’è. 
Dopo essere risalita nella stanza tonda, ho chiesto conferma ai maestri, ed è quella che vedete nell’immagine allegata. L’ho fotografata tra le lacrime, di gioia e gratitudine: più chiara di così non poteva essere…(per chi non lo sapesse, durante i dialoghi con i maestri, si deve chiedere conferma, facendosi dire dei numeri che corrispondono alla pagina, alla colonna e alle righe della Bibbia, usata come testo vasto e versatile senza alcuna connotazione religiosa)
Dopo esattamente 9 giorni, una sessione di theta-healing e una di radioestesia condotte da due amici e professionisti straordinari, il 15 maggio l’udito è tornato, improvvisamente, così come se ne era andato, lasciando stupiti anche i tecnici che mi hanno fatto l’esame audiometrico di controllo. Il commento di una di loro è stato: ” è proprio vero che a volte il corpo fa cose che la mente non può spiegare..”
Qualche settimana dopo, sono andata ad aggiornare anche l’otorino che mi aveva visitato, dicendogli che mi permettevo di suggerirgli di spaventare meno i pazienti.
La sua risposta è stata: ” Ma io lo faccio apposta! Se uno non si spaventa, poi non si cura adeguatamente…”. (Cosa aggiungere? Forse che la paura faccia ammalare più della “malattia” stessa?)
Mi ha anche detto: ” Lo sa che lei è stata fortunata? C’è qualcuno lassù che la ama!”. “Oh sì lo so”, gli ho risposto, e dubito che abbia capito che lo sapevo davvero! E lo so ogni giorno di più!
La fortuna, come la sfortuna, non esistono.
Noi possiamo creare la nostra realtà, e tutto l’Universo ci parla continuamente…
Da questa storia ho imparato tante, tante cose, e ci tenevo proprio a condividerla…
Roberta Turci