Quando l’utero rimane vuoto…

Non diventare madre è un lutto per ogni donna. Anche per quelle che non hanno mai desiderato avere un figlio. Da sempre la donna è simbolo di fertilità, ed è celebrata per la sua capacità di pro-creare. Ci crescono educando la nostra mente a identificare e guardare le persone in base ai ruoli che rivestono. E ogni donna, anche la più ribelle e anticonformista, sa che non diventare madre la relegherà in una categoria a parte, che non sarà mai veramente onorata e celebrata. Sarà sempre una donna a cui manca l’esperienza più importante, quella senza la quale “non può capire”. Ma l’anima custodisce la memoria di tutte le vite in cui si è incarnata in un corpo che è stato fecondato e ha partorito. Non solo: l’anima custodisce la memoria di tutte le antenate che hanno vissuto l’esperienza della gravidanza e del parto. La mente può essere educata a identificarsi con un ruolo sociale, ma l’anima ha in sé tutta la saggezza del tempo che la mente razionale chiama passato, presente e futuro, e sa sempre cosa significa essere madre. I figli non sono solo dei doni speciali, sono soprattutto strumenti di evoluzione per i genitori, sono Maestri. Ma ci sono vite in cui l’anima ha bisogno di incontrare un altro tipo di Maestri. Per esempio, ci sono vite in cui serve imparare ad accettare un ventre vuoto, ad accogliere la mancanza, a sperimentare la perdita. Non tutte le donne che non diventano madri, hanno scelto con la mente di sottrarsi a quel ruolo, ma la loro anima sì, aveva scelto. Ci sono vite in cui bisogna avere a disposizione molte energie per dedicarsi ad altro, perché la capacità di creare non è solo del corpo. E allora la sfida è riconoscersi talenti e doni, e onorarli e celebrarli, per lasciare che la propria fecondità si esprima come deve, senza giudizio e senza vergogna. Questa è la parte più difficile, perché la società ti vuole identificare in un ruolo, e tu invece in questa vita hai scelto di uscire da uno schema, e di distinguerti dalla maggioranza. E hai bisogno di vivere altro. Ma sia che tu l’abbia coscientemente scelto oppure no, avrai un lutto da elaborare, ed è bene che tu sappia che hai una sola alleata per farcela: te stessa. La tua anima aspetta solo di raggiungerti, perché lei sa, e può aiutarti a vedere quale immagine ti porti dentro, di chi e di cosa sei madre, e a cosa puoi e devi dare la vita in questo tempo terreno. Non fare mai tacere la dea che ti vuole creatrice e creativa, che ti vuole vedere dipingere, cantare, danzare, suonare, inventare, plasmare, scrivere, nutrire, amare. Non farla mai tacere, perché lei si arrabbierà moltissimo, e si sentirà esclusa, e farà di tutto per essere ascoltata. Se sarà necessario, userà anche il tuo corpo per farsi sentire, e arriveranno disagi e malattie, finché non la riconoscerai, l’ascolterai, la libererai, sentendoti autorizzata a essere ciò che sei. Per ogni donna che non diventa madre, c’è una dea che conosce altri modi di dare al mondo una nuova vita. Elaborare il lutto di una maternità mancata significa raggiungerla e unirsi a lei. Quella dea sa che c’è sempre una persona di cui devi diventare Madre sulla Terra nel qui e ora, e quella persona sei TU.

Roberta T.