La morte deve insegnarci ad amare di più la vita

Ricordo che avevo poco più di sei anni la prima volta che ho incontrato la morte. Un mio compagnetto delle elementari era stato investito da una macchina, e noi tutti siamo andati al suo funerale. Ricordo bene che c’era tanta gente, piangevano e si disperavano, e io in silenzio osservavo. Dentro di me mi chiedevo: “ ma staranno piangendo perché Robertino non ha più una vita da vivere, o perché a loro mancherà Robertino?” Non ho mai osato fare questa domanda a nessuno, ma la risposta me la sono data da sola negli anni a venire. Di fronte alla morte di qualcuno che amiamo, è la mancanza che ci spezza il cuore. Il dolore è figlio dell’attaccamento.
Succede anche quando le relazioni finiscono perché uno dei due se ne va. Non vuoi vedere l’altro felice. Vuoi che resti. Anche se non lo ami. Anche se non vuole restare.
Ogni abbandono è un po’ morire. Solo che la morte è più onesta, perché ti toglie anche la speranza. A volte penso che sia più facile rassegnarsi alla morte di qualcuno che a un abbandono: la morte ti toglie dall’attesa, dalla speranza che quella persona torni per dirti “ho sbagliato, non posso stare senza di te”. È sempre tutto un gioco di specchi: vediamo il nostro valore riflesso in quello che gli altri fanno o non fanno. Un bambino piccolo che perde sua madre penserà sempre che lei l’ha lasciato solo perché lui non meritava il suo amore. L’essere umano ha bisogno di sentirsi accolto e nutrito. Qualunque distacco ti lacera dentro, come se ti strappassero un lembo di carne…
E invece la morte è un ritorno a casa, è un varco che si apre verso l’Assoluto. È l’altra faccia dell’Amore, il ricongiungimento con la nostra vera natura. Ma noi esseri umani la temiamo così tanto che ci raccontiamo un sacco di bugie per sopravviverle.
Quando qualcuno muore, pensiamo che da quel momento sarà una specie di santo protettore, dimenticando che il viaggio di un’Anima continua, e i morti hanno altro da fare che proteggere i vivi…
E poi i morti diventano tutti perfetti, come se la morte fosse una specie di amnistia. Qualcuno che da vivo non ti ha amato e rispettato, diventa nella memoria l’unica persona capace di amarti davvero.
E se non hai mai abbracciato quella persona, se non le hai mai detto quanto la amavi, di fronte alla sua morte ti accorgi di aver sprecato vita, ti senti in colpa, vivi nel rimpianto.
È facile onorare i morti, farli diventare idoli, o per meglio dire, alibi e rifugi.
La parte più difficile è onorare i vivi e la vita, mentre c’è.
E poi, di fronte alla morte di qualcun altro, pensi inevitabilmente alla tua. Se potessi guardarti indietro come se fosse il tuo ultimo istante, sapresti quello che vuoi cambiare. Ma il recinto sicuro in cui ti sei rinchiuso, in un attimo ti inghiotte di nuovo, e tu dimentichi tutto. Dimentichi che sei venuto al mondo per onorare la vita. E soprattutto te stesso.
La paura della morte ci dice quanto abbiamo paura di essere vivi!
La morte deve solo insegnarci ad amare di più la vita. La nostra vita.
Perciò ama la tua vita. Amala adesso!

Roberta Turci

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.